Realtà virtuale: la prossima frontiera?

realta-virtualeLa tecnologia degli ultimi anni ci porta ad affrontare nuove scoperte che, fino a poco tempo fa, non ci saremmo mai sognati di assistervi. A queste scoperte rivoluzionarie si associa la voglia dell’uomo di fuggire dal mondo che lo circonda, gettandosi in una fantasia che imita la realtà cercando di migliorarla, cancellandone le preoccupazioni. Ed è da qui che nasce la realtà virtuale, un sistema che trova spiegazione già nel nome: il connubio tra ciò che è realtà e ciò che non esiste e, cioè, l’immaginazione. Da qui ha origine un luogo alternativo all’interno del quale rifugiarsi per mezzo degli strumenti tecnologici che questo millennio ci mette a disposizione.

La realtà virtuale sostituirà quella “reale”?

Il sogno di vivere una realtà diversa da quella che ci circonda appartiene a ognuno di noi. Chiunque, almeno una volta nella vita, ha avuto il desiderio di estraniarsi anche solo per qualche minuto, immaginando un mondo ideale alle sue aspettative. Ma, se vivere in un mondo alternativo anni fa non poteva che essere un sogno, tra poco tempo potrebbe divenire realtà. A contribuirvi ci sono già diversi meccanismi di realtà virtuale, realizzati dalle più importanti società tecnologiche, quali Google, Samsung e HTC.

Come si entra in una realtà virtuale? A fare da intermediario tra questi due mondi, nella maggior parte dei casi, è lo smartphone. Questo, già di per sé, rappresenta una delle più grandi rivoluzioni della nostra epoca, prendendo il posto dei computer ed evolvendosi sempre di più, col passare degli anni. Anche senza l’ausilio dei box per la realtà virtuale, ci è già possibile immergerci in un altro mondo semplicemente osservando lo schermo del cellulare, aprendo un’app, giocando. Quindi, l’idea di sfruttare ancora di più questa predisposizione a catturare l’attenzione dell’utente e concentrarla in un singolo apparecchio non poteva che essere associata allo smartphone.

Esistono, poi, dei meccanismi autonomi, che, se posizionati sugli occhi e, magari, associati a dei guanti, permettono all’utente di vivere una vera e propria esperienza virtuale, che lo porta al coinvolgimento in quello che potrebbe sembrare un sogno. Ma siamo solo agli inizi nella realizzazione di sistemi per la realtà virtuale, che, col passare degli anni, potrebbero renderla una vera e propria alternativa alla realtà che ci circonda.