Come scegliere la workstation

workstation_Creare la perfetta Workstation in base alle proprie necessità è una scelta molto difficile. Per poterci riuscire, è necessario capire come le diverse parti hardware influiscono sulle prestazioni della workstation nel suo complesso. Le scelte chiave relativamente all’hardware riguardano l’unità di elaborazione della CPU, la grafica (GPU), la RAM e il disco rigido.

La scelta del processore è semplicemente una decisione tra frequenza della CPU (velocità) e numero di core. Le prestazioni tipiche delle workstation vanno da quattro a 36 core della CPU e fino a 72 thread della CPU. La velocità è misurata in gigahertz e tipicamente un numero inferiore di processori funziona ad una frequenza più veloce, mentre un numero più elevato di core funziona a frequenze più basse.

Usare software di creazione e manipolazione di oggetti 3D come SolidWorks, 3ds Max e Maya ha bisogno di una CPU a frequenza più alta rispetto ad un maggiore numero di core, mentre il rendering e la simulazione delle applicazioni cercano più core per far fronte meglio alle prestazioni di picco.

La GPU è responsabile della creazione dell’immagine che si vede a schermo. Le GPU sono responsabili della creazione di poligoni e dell’applicazione dell’illuminazione, della consistenza e del colore di un’immagine 3D. Nvidia e AMD producono le migliori schede grafiche.

E’ molto meglio avere più memoria che andare a corto, ma è difficile dire quando essa è sufficiente. Avere più RAM permette di svolgere compiti multitasking senza impantanarsi. Si consiglia di avere almeno 16 GB di RAM per iniziare, ed un valore più elevato per lavori come la simulazione di grandi insiemi di dati, texture in grafica 3D e video editing complesso.

A completare una buona workstation va l’hard disk. Ad oggi la memoria SSD è molto più veloce e la rapidità si valuta in nanosecondi anziché in millisecondi, come invece accade per le unità SATA. Questo aumento di velocità può avere un impatto notevole sui tempi di completamento del progetto. La miglior soluzione è quella di avere un duplice hard disk: uno SSD da almeno 250GB per il sistema operativo e l’installazione dei programmi, uno SATA da almeno 1TB per l’archiviazione dei dati.